Ultima modifica: 27 settembre 2018

Open Day – Scuola Primaria Crudomonte

Il tema conduttore dell’Open Day per la Scuola Primaria del plesso Crudomonte  svoltosi il 20 Gennaio 2018 era  “IDENTITA’ E DIFFERENZE : il gioco del RISPETTO”.

Gli alunni di classe quinta in qualità di tutor, sostenuti dalle insegnanti di plesso, hanno accolto nei 5 laboratori previsti per la giornata i piccoli della Scuola dell’Infanzia.

La proposta di varie attività ludico-manipolative ha costituito un primo approccio di conoscenza per intraprendere un percorso quinquennale che aiuterà i piccoli a capire qualcosa di molto importante…Vivere l’esperienza scolastica significa imparare fin da piccoli a rispettare gli altri, la loro identità, le loro differenze e a capirne i bisogni uscendo dai ruoli convenzionali che la società stabilisce in base all’appartenenza di genere.

Il percorso itinerante partiva da una storia “non convenzionale” di bambini e bambine: “Amelia che sapeva volare” la cui protagonista, Amelia Earhart , da piccola preferiva al gioco delle bambole giochi più avventurosi e pericolosi… sarebbe diventata, una volta adulta, la prima aviatrice donna! I bambini tutor hanno animato la lettura coinvolgendo i piccoli nella ricerca di alcuni elementi presenti nella storia: un aereo coloratissimo, un globo terrestre, delle cartoline e facendoli riflettere sull’importanza di divertirsi giocando e di coltivare dei sogni fin da piccoli.

Usciti dall’aula simulando tanti aerei in volo i bimbi hanno raggiunto il secondo laboratorio dove hanno scelto, colorato e ritagliato capi di abbigliamento con i quali “vestire” divertenti sagome di bimbi e bimbe da portare via come ricordo della giornata. I tutor hanno segnalato che alcune femminucce hanno voluto vestire sagome maschili e il contrario come se si trattasse di vestire un fratellino o una sorellina. La terza tappa in palestra prevedeva la partecipazione a giochi tradizionali e non: la campana, il salto con la corda, il meccano (sconosciuto anche ai bimbi di quinta!), l’ape robotica Bee-bot e il calcetto con i tiri alla porta. I tutor hanno coinvolto con successo maschi e femmine a giocare insieme semplicemente per divertirsi senza distinzione tra giochi maschili o femminili. Nel quarto laboratorio i piccoli ospiti si sono lasciati coinvolgere in balli gestualizzati ripetendo il ritornello di canzoni aventi per tema il rapporto non sempre pacifico tra fratello e sorella e i “trucchi” per il superamento dei conflitti o l’importanza di uscire a giocare con gli amici trasmettendosi emozioni invece di passare il tempo davanti a computer e tablet. Le attività previste per il quinto laboratorio invitavano i bambini a scegliere e abbinare diversi capi di abbigliamento realizzando travestimenti originali, non convenzionali.

I tutor attraverso elaborati scritti (successivamente prodotti in classe) e le insegnanti del plesso hanno espresso la loro soddisfazione per il coinvolgimento e l’entusiasmo manifestato dai bambini ma anche dalle loro mamme!  Insieme si è riusciti ad “abbattere“ attraverso la proposta di semplici e divertenti attività,  luoghi comuni da cui spesso nascono pregiudizi difficili da sradicare.

image_pdfimage_print