Ultima modifica: 11 Febbraio 2019

PROGETTO CONTINUITA’ – S. Secondaria di Primo Grado e S. Primaria

Quest’anno è stata una continuità principalmente all’insegna dello sport quella tra la Scuola Secondaria di I grado e la Scuola Primaria. Uno sport particolare, però, il quidditch babbano!

Tre mattinate piene di novità, scoperte, emozioni per gli alunni delle quinte classi del nostro Istituto. Il 18 gennaio sono stati gli alunni delle due classi quinte del plesso Crudomonte a conoscere e giocare con i loro futuri compagni della secondaria. Il 21  e il 24 è stata la volta delle ultime classi dei plessi Mantegna e Leonardo da Vinci visitare la scuola media di via Mantegna 23.

Questi ultimi sono stati accolti con una grande sorpresa: un’esibizione della eco-orchestra formata da alcuni alunni della 1^A, 1^B, 2^A, 2^B e 3^A. Perché eco-orchestra? Semplice, i ragazzi suonano comuni sacchi della spazzatura con l’accompagnamento di due o tre strumenti musicali veri. Il risultato è stato sorprendente ed emozionante. La speciale orchestra, nata da un’idea della professoressa Mele e del professor Mazzotta, ha riscosso tantissimo successo.

E dopo l’inconsueta accoglienza musicale tutti in palestra dove era già tutto pronto per la sfida di Quidditch: mazze da scopa, una pluffa, i bolidi, i tabelloni.

La prof.ssa Paola Romano, docente di educazione fisica, già lo scorso anno ha proposto questa disciplina sportiva ai suoi alunni e, dato il consenso registrato, ha voluto far sperimentare il quidditch babbano anche agli alunni delle quinte classi.

Alcuni di loro conoscevano il Quidditch magico, quello praticato ad Hogwarts dal mago più famoso del mondo, Harry Potter, ma nessuno aveva mai giocato una partita a Quidditch babbano. Una breve spiegazione della professoressa sui ruoli dei giocatori in campo, gli attrezzi a disposizione e le regole da rispettare e poi via alle sfide! Come nel mondo magico a contendersi il titolo c’erano Grifondoro, Tassorosso, Serpeverde e Corvonero.

Sette giocatori per squadra che corrono con le mazze di scopa tra e gambe, i cacciatori che si sfidano per mettere a segno i punti con la pluffa evitando le parate del portiere, i battitori che li ostacolano lanciando i bolidi e poi ad un tratto entrano in gioco il boccino e i cercatori. Sono state partite combattute ma soprattutto tanto divertenti.

Dopo una pausa ristoratrice ai piccoli ospiti è stato proposto un quiz. Il tema? Sempre Harry Potter e il quidditch ma in questo caso quello magico. Si trattava di rispondere ad alcune domande dopo aver visto un filmato relativo alla prima partita di quidditch di Harry nel film Harry Potter e la pietra filosofale. Anche in questo caso una sfida avvincente tra le nostre “case”, combattuta a colpi di maracas, triangolo e tamburello per aggiudicarsi il diritto di rispondere alle domande.

Alla fine delle attività c’è stato anche un momento “di riflessione” attraverso dei focus group realizzati con l’aiuto di alcuni studenti delle terze classi. Questi ultimi, nel ruolo di moderatori, hanno ascoltato i dubbi, le paure, le ansie dei loro “colleghi” più piccoli in vista della nuova avventura che li attende. Hanno rassicurato qualche timoroso, hanno soddisfatto le piccole curiosità e risposto a domande sui professori, le nuove materie, i laboratori e tanto altro ancora.

              

 

image_pdfimage_print